Gianni Maiola, il Candidato Sindaco

Gianni Maiola, il Candidato Sindaco

Carissimi cittadini,
sono passati cinque anni da quando mi avete eletto Sindaco del Comune di Gattatico.

Sono stati cinque anni intensi, in un mondo che è cambiato giorno per giorno sotto i nostri occhi, cinque anni di grandi soddisfazioni, in cui ho cercato di dare tutto ciò che ho potuto.

L’obiettivo della mia amministrazione nei cinque anni del mandato è stato quello di mantenere inalterati, sia a livello di quantità che di qualità, tutti i servizi realizzati, nonostante il grande periodo di crisi che stiamo attraversando.

Abbiamo confermato tutti i servizi: l’asilo nido, la scuola dell’infanzia, l’assistenza agli anziani, ai disabili, la casa protetta, la biblioteca.

Anzi, alcuni sono stati potenziati, come il Centro Giovani, perché i nostri ragazzi hanno bisogno di spazi in cui riconoscersi e fare gruppo, in un’età della loro vita potenzialmente critica.

Nonostante le ristrettezze dei trasferimenti di risorse statali e il crollo degli oneri di urbanizzazione, in questi cinque anni abbiamo realizzato opere pubbliche e manutenzioni per un valore di 2.711.874 euro. Ne sono un esempio la manutenzione straordinaria della copertura della Scuola Media di Praticello, realizzata nel 2009, l’ultimazione dei lavori di ristrutturazione ed ampliamento Scuola Sabin di Praticello, la costruzione della nuova sede della Croce Bianca a Sant’Ilario d’Enza e l’intervento di sistemazione definitiva della rotatoria nel centro abitato di Taneto.

Nella società di questi ultimi anni mancano sempre più i punti di riferimento: la famiglia non riesce più ad essere momento di educazione e di crescita, così pure la scuola.

Ma per tenere coesa la società che cambia in modo così veloce e drammatico – lo vediamo nella vita di tante persone che ciascuno di noi conosce personalmente –, ci devono essere dei punti di riferimento.

Credo che uno di questi possa essere il Sindaco: ho cercato il più possibile di essere un punto di riferimento per i tanti che in questi anni si sono rivolti a me per i più svariati motivi, di ascoltare tutti e di indicare soluzioni ai problemi dei cittadini.

Questo mi ha consentito di avvicinarmi a situazioni che, a volte, restano  poco riconoscibili.

Ci sono persone che per senso di dignità non avrebbero mai pensato di rivolgersi al Sindaco per un aiuto. Vederle uscire dal Comune con lo sguardo meno smarrito di quando erano entrate, mi ha fatto sentire utile e più consapevole delle risorse che amministriamo per i cittadini di questo Comune.

Il merito di tutto ciò che è stato fatto è di molti, perché non basta indicare una direzione, occorre mettere in pratica.

Voglio dunque ringraziare gli amministratori che in questi anni hanno lavorato con me, i dipendenti comunali, le persone associate nell’auser, i cittadini e i volontari che hanno voluto partecipare e rendere migliore Praticello e tutte le sue frazioni.

Senza il lavoro, l’impegno, la capacità degli uni e degli altri non sarebbe stato possibile amministrare il Comune. Ma grazie soprattutto a voi cittadini che mi avete permesso di fare questa esperienza, una delle più belle che possano capitare nella vita.

Penso che il lavoro svolto in questi cinque anni sia stato positivo per il nostro territorio e per i suoi abitanti e che, per proseguire su questo cammino e realizzare nuovi progetti sia necessario dare continuità all’amministrazione del Comune: è per questo che ho deciso di ricandidarmi a Sindaco per i prossimi cinque anni.

Quello che propongo come programma lo conoscerete nel dettaglio nei prossimi giorni, ma al centro ci sono sicuramente i temi che mi sono sempre stati a cuore: la scuola, i servizi a favore degli anziani e dei diversamente abili, il sostegno alle famiglie, la salvaguardia del territorio, l’attenzione alle frazioni.

A voi rivolgo ancora un ringraziamento e un arrivederci ai prossimi cinque anni

 Il Sindaco
Gianni Maiola